La domanda del mese – Tra gommista e web la sfida è aperta

21 novembre 2016 | 3 Commenti
 
La domanda del mese – Tra gommista e web la sfida è aperta
La domanda del mese – Tra gommista e web la sfida è aperta

Il mercato delle gomme in pochi anni si è riempito di player e di marchi come non mai. Quest’ampiezza incredibile di proposte ha fatto sì che i gommisti, una volta fedeli a pochi fornitori e sicuri delle proprie condizioni di acquisto, cominciassero a guardarsi attorno, confrontando, non tanto i prodotti, quanto i prezzi. Oggi infatti, nonostante lo sforzo delle aziende che investono in programmi di fidelizzazione, i gommisti tendono ad acquistare le gomme di volta in volta da chi le offre ad un euro di meno, perché alla fine dell’anno, ogni euro risparmiato pesa nella bilancia.

Come biasimare dunque i consumatori che fanno la stessa identica cosa? Anche loro, infatti, che una volta erano ciecamente fedeli al proprio gommista, oggi sono bombardati da una miriade di informazioni e offerte e, visto che anche per loro risparmiare qualche euro per gomma alla fine dell’anno pesa, il criterio di scelta – a parità di prodotto – è ovviamente il risparmio.

La logica non fa una piega ed è assolutamente legittima sia per gli uni che per gli altri. Così come è comprensibile che le Case e i distributori cerchino di sfruttare il canale internet, che consente loro di vendere il prodotto saltando il passaggio intermedio.

Una cosa è certa: poiché ormai il mercato gioca a carte scoperte, sui prezzi dei prodotti i gommisti dovranno prima o poi inevitabilmente allinearsi alla rete. Ci sono però degli elementi di valore che, nella competizione tra web e canale tradizionale, possono pesare a favore del gommista e diventa sempre più importante saperli sviluppare e promuovere.

Quali sono secondo voi i plus e le armi su cui il gommista deve puntare per poter competere con il web?

Rapporto umano, consulenza, affidabilità, gadget, promozioni, disponibilità marchi/prodotti in esclusiva, offerta di servizi aggiuntivi, servizio a domicilio, auto/bici di cortesia, accoglienza (wifi, caffè,…), manutenzione gratuita nel tempo, sconto famiglia, custodia, centro servizi completo (one stop), campagne pubblicitarie locali, disponibilità in caso di emergenza, passaparola e reputazione….?

Attendiamo i vostri voti (è possibile votare più volte per indicare più opzioni) e i vostri commenti!

Tag: ,

Categoria: Gommisti, Mercato, Notizie

Commenti (3)

URL di Trackback | Commenti Feed RSS

  1. PAOLO scrive:

    Tra gommista e web la sfida e’ gia’ chiusa ….. ne sono convinto , ho un portale web che condivido anche con altri gommisti e sono felicissimo di averlo pensato e creato qualche anno fa …. Uno strumento utile per il gommista che vuole provare a non stare fermo in balia dello sviluppo sicuro del mercato on-line .
    Il nostro e’ un sito che dietro ha creato un gruppo , una comunita’ e spesso ci scambiamo idee , opinioni e ”aiuti” , insomma dritte che poi in parole povere si traducono in soluzioni marketing a tutti gli effetti ….
    Nel corso di questi anni ho appreso che on-line troverai sempre un prezzo piu’ basso di un altro … ho pero’ capito che non tutte le marche sono presenti on-line e ”sputtanate” dal punto di vista del prezzo … ecco questa e’ l arma piu’ potente che un gommista ha , scegliere il giusto brand da commercializzare , alla fine noi siamo professionisti e sappiamo bene come scegliere un brand , conoscere i suoi lti migliori ect.
    Certo tra i gommisti molti hanno l ‘ idea : hai comprato le gomme on-line , E ALLORA IO NON TE LE MONTO , OPPURE TE LE MONTO A 60/70 EURO …
    Non mi scontro con queste idee , ma credo e sostengo ( probabilmente per esperienza personale ) che non e’ giusto scontrarsi con ”la moda del mercato”cioè internet ed il suo sistema on line ; non puo’ giovare alle logiche marketing dei nostri negozi xo’ accetto le idee dei miei colleghi ….
    Al contrario pero’ credo e sono certo che il gommista puo’ scegliere cio’ che vende , puo’ dirottare il cliente su scelte diverse dai soliti ” marchi noti” , insomma come dico sempre ai miei colleghi noi siamo i professionisti , noi siamo sul territorio , noi consigliamo di persona e mettiamo la faccia …
    Si perchè quei marchi …” i soliti noti ” come piace definirli a me li abbiamo fatti crescere noi gommisti nel tempo , e cosi’ come li abbiamo fatti crescere possiamo limitarli facendo crescere altri marchi , magari oggi quasi sconosciuti ….
    Quindi tornando alla frase iniziale : TRA GOMMISTA E WEB LA SFIDA E’ GIA’ CHIUSA ?
    SI E’ CHIUSA , PROBABILMENTE NON E’ NEANCHE INIZIATA, VISTO CHE… IL GOMMISTA SE CAPISCE …. NON HA SFIDANTI , PERCHè E’ COLUI CHE ALLA FINE NON PUO’ ESSERE CANCELLATO NELL’ ITER DELLA VENDITA DEL PNEUMATICO …..
    AGGIUNGO PERO’ CHE IL GOMMISTA PUO’ E LO SARA’ UN NEMICO ACERRIMO PER ALCUNI BRAND CHE OGGI CREDONO DI ESSERE INTOCCABILI , MA CHE PROBABILMENTE TRA QUALCHE ANNO SARANNO COSTRETTI A RIVEDERE TUTTO IL SUO PERCORSO VENDITE FUTURE …
    UN SALUTO A TUTTI ILMASTRO.IT

  2. Massi scrive:

    Si si hai ragione la differenza tra una marca conosciuta e alcune marche meno conosciute oggi sono minime o meglio sono solo nel prezzo anche noi nel nostro negozio abbiamo iniziato a ragionare così e abbiamo già raccolto i frutti noi non facciamo più figuraccia con i prezzi anche grazie alla nostra community il gommista è in contatto con il cliente e sa molto meglio di un e-commerce cosa vendere e come farlo funzionare meglio o peggio sono anche io consapevole come ormai tanti gommisti e questo anche grazie all idea del mastro gommaio è meglio innovare non solo sui macchinari ma anche sulle Marche da trattare e qui riprendo il tuo commento , i gommisti hanno fatto diventare famosi alcune marche di gomme ed oggi loro ci voltano le spalle ok è il momento per tutti noi di far diventare famose altre marche . Forza Mastro , forza gommisti tiriamo fuori gli attributi e vediamo dove vanno tutti coloro che vogliono levarci il lavoro vediamo se perdiamo fatturati noi o loro

  3. PAOLO scrive:

    Grazie Massi , noi stiamo tentando di fare solo quello che e’ giusto per la nostra categoria …. Probabilmente certe logiche non sono capite da tutte , e nemmeno la potenza che l web ha … ormai e’ uno strumento troppo importante e noi ci stiamo affaccaindo in questo mondo insieme , studiandolo giorno dopo giorno …. Purtroppo ci sono idee contrastanti anche tra di noi gommisti … ma tutto quello che vorrei far capire e’ che non conta tanto il prezzo che abbiamo on-line , in molti dicono siamo alti , altri il contrario …. Il vero punto non e’ questo , ma bensi il riuscire a cavalcare internet con idee simili insieme , poi i prezzi … On-line si trova di tutto a tutti i prezzi …. A vorrei aggiungere solo una cosa e questa la sparo per tutti quei costruttori ” FURBI ” che vorrebbero vendere on-line i suoi prodotti , VEDETE SIGNORI INTELLIGENTONI , SE VI METTETE IN CONCORRENZA ON-LINE CONTRO I CINESI NON PARTITE NEMMENO , VI MANGIANO IN 2 BALLETTI , ALMENO DOPO AVRANNO PRODUZIONE E COMMERCIO AL DETTAGLIO … IL GOMMISTA E’ SUL TERRITORIO , HA LA PROFESSIONALITA’ DALLA SUA E PUO’ SPENDERE UNA PAROLA … CERTO NON LA SPENDERA’ IN FUTURO PER CHI OGGI SI METTE A VENDERE ON-LINE, QUESTO MI SEMBRA CHIARO !
    Un saluto a tutti da Siena Paolo Giulianini ilmastro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *