Superbike tricolore al Mugello ancora nel segno di Pirro e Michelin

7 luglio 2016 | 0 Commenti
 
Superbike tricolore al Mugello ancora nel segno di Pirro e Michelin
Superbike tricolore al Mugello ancora nel segno di Pirro e Michelin

Dal diluvio di Vallelunga al sole cocente del Mugello, la musica non cambia: la Ducati del Team Barni Racing e Michelin impongono la loro netta supremazia nella Superbike tricolore 2016.

Il campione in carica della top class si è ripetuto nel terzo round del CIV con una gara diversa dalle precedenti: disorientato dalla partenza anticipata del poleman Matteo Baiocco (Ducati), poi penalizzato per lo start irregolare e infine scivolato nel tentativo di tenere il passo del battistrada, Pirro è rimasto inizialmente ingolfato nel gruppetto degli inseguitori, impiegando qualche tornata a reimpostare la propria strategia. Quando però ha disteso la sua azione, lo ha fatto con grinta e chirurgica efficacia, prima ricucendo il distacco dai primi, che aveva toccato i due secondi, e poi saltandoli uno ad uno, fino ad accumulare un vantaggio di oltre cinque secondi sul più immediato inseguitore.

Da quanto si è visto in pista, il podio sarebbe stato ampiamente alla portata anche dell’altro pilota ufficiale Michelin Kevin Calia (Aprilia – Nuova M2 Racing) che, senza forzare eccessivamente, rimontava con Pirro, aveva raggiunto il terzo posto al quinto dei 14 giri (che valeva il secondo, per la penalizzazione di Baiocco) ma ha dovuto poi fare i conti con un problema tecnico che gli ha provocato ripetuti spegnimenti del motore della sua quattro cilindri. Il giovane imolese ha comunque portato a termine la prova, conquistando due punti.

Con 29° di temperatura dell’aria e 47 dell’asfalto, il terzo round del CIV al Mugello è stato duro per tutti: ne hanno fatto le spese, tra gli altri, Denni Schiavoni (BMW), che lottava per la prima posizione con Niccolò Canepa (Yamaha) quando è scivolato alla San Donato, il già citato Baiocco, lo stesso Canepa, che ha dovuto visibilmente rallentare il suo passo, Luca Salvadori (Yamaha), costretto al ritiro da un problema fisico, ed il terzo portacolori del Team Pata, Fabio Massei, che con il passare dei giri è stato ugualmente costretto a tenere un ritmo meno forsennato.

Così alle spalle di Pirro sono emersi due piloti dalle caratteristiche completamente diverse che hanno però puntato entrambi sulla regolarità e cioè il diciannovenne Matteo Ferrari (BMW), proveniente dalla Moto 3, già positivo con la pioggia a Vallelunga, ed il trentacinquenne Lorenzo Lanzi (BMW), che hanno completato il podio partendo rispettivamente dalla 16.a e dalla 10.a posizione in griglia.

In questo quadro assumono dunque una valenza positiva le prestazioni di alti due piloti gommati Michelin ufficiale, il campione italiano 2014 Ivan Goi, compagno di Pirro nel team Barni, e l’esordiente Alessandro Nocco, che nella Nuova M2 Racing ha preso il posto di Roberto Tamburini.

Goi ha risolto buona parte dei problemi tecnici che, in prova, lo avevano relegato al 15° posto in griglia, è stato protagonista di un’eccellente partenza e, dopo la bagarre iniziale, è andato in crescendo, rimontando posizioni su posizioni e inserendosi nel gruppetto che si è giocato il quinto posto.

Anche Nocco, grazie ad una modifica al set up della sua Aprilia, ha sensibilmente migliorato il feeling, è stato aggressivo nella parte centrale della gara, quando ha rimontato numerose posizioni, e poi ha sfruttato nel finale la sua esperienza con la 600, riuscendo ad ottenere il meglio nonostante il gran caldo.

Per Simone Saltarelli, il quinto pilota ufficiale Michelin nella Superbike tricolore, le difficoltà di assetto emerse in qualifica si sono solo parzialmente attenuate. Ma, come è nella sua natura, ha condotto una prova generosa che gli è valsa comunque un posto nei primi quindici.
“Il risultato è positivo, siamo complessivamente soddisfatti e contenti per Pirro” dichiara Roberto Venesia, Servizio competizione moto Michelin. “A darci soddisfazione è il comportamento di nostri pneumatici che, in condizioni climatiche molto impegnative, hanno garantito costanza di rendimento, come dimostrano i migliori tempi sul giro che i nostri piloti hanno fatto segnare nelle ultime battute. Fin dal primo giorno di prove, Michele si è concentrato nella preparazione della moto in ottica-gara, dedicando a questa particolare messa a punto tutte le sessioni, ed i risultati si sono visti. Siamo dispiaciuti per Calia, girava velocissimo, il podio era alla sua portata, ci ha quindi confermato di essere molto competitivo, ci auguriamo che il secondo round del Mugello possa restituirgli le soddisfazioni negate dal primo. Goi è stato bravissimo alla partenza e poi nella fase cruciale della gara mentre ci ha sorpreso Nocco, di fatto un debuttante assoluto, per la costante progressione iniziale e per non aver mai mollato, fino alla fine. Dunque siamo fiduciosi per la gara di domani, il quadro tecnico è rassicurante, puntiamo a migliorare le posizioni”.

Michele Pirro: “La partenza anticipata di Baiocco mi ha disorientato, all’inizio della gara ho perso un po’ di terreno ma ero fiducioso, sapevo che tutto funzionava bene e che avrei potuto tenere un buon ritmo. E infatti al nono giro ho ottenuto il mio miglior tempo e fino all’arrivo ho conservato un passo molto veloce. Non ho sfruttato al meglio le gomme da qualifica ma il lavoro svolto per la gara ha poi dato ottimi frutti. A chi mi chiama “Re del Mugello”, rispondo che comincio ad essere “Re” di un po’ tutte le piste. Intendo dire che se è vero che mi capita (ma nemmeno troppo spesso) di girare per i test al Mugello, non mi è utile per il CIV perché le prove mi vedono impegnato con la MotoGP. E dopo la pioggia di Vallelunga ci tenevo a dimostrare che posso vincere anche con il sole. Ringrazio dunque Barni Racing, Ducati e Michelin che mi hanno messo a disposizione un pacchetto veramente perfetto. Ora parto, vado a Misano, per il WDW dove i miei colleghi sono in vacanza mentre a me tocca lavoro doppio, ma ci vediamo domani, ancora in pista”.

CIV 2016 – Classe Superbike
3° round – Mugello – 2 luglio 2016
Risultati: 1. M. Pirro (Ducati – Barni Racing); 2. M. Ferrari (BMW); 3. L. Lanzi (BMW); 4. N. Canepa (Yamaha); 5. F. Massei (Yamaha); … 7. I. Goi (Ducati – Barni Racing); … 9. A. Nocco (Aprilia – Nuova M2 Racing); … 13. S. Saltarelli (Aprilia – L.R. Corse); 14. K. Calia (Aprilia – Nuova M2 Racing).

Classifica: 1. Pirro, p. 75; 2. Calia, 42; 3. Ferrari, 40; 4. Massei, 36; 5. Canepa, 31; … 7. Goi, 19; 12. Saltarelli, 14; …17. Nocco, 7.

Tag: , , , , , , , , , , ,

Categoria: Motorsport, Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *