Goodyear: vendite in calo, ma risultato operativo in crescita nel 2015

10 febbraio 2016 | 0 Commenti
 
Goodyear: vendite in calo, ma risultato operativo in crescita nel 2015
Goodyear: vendite in calo, ma risultato operativo in crescita nel 2015

Goodyear ha annunciato i risultati del quarto trimestre e quelli dell’intero esercizio 2015. Le vendite del quarto trimestre 2015 sono state pari a 4,1 miliardi di dollari, rispetto ai 4,4 miliardi di un anno fa, con un calo percentuale del 7%, a causa soprattutto della sfavorevole conversione delle valute, che ha avuto un impatto negativo di 339 milioni di dollari. Il trimestre si è chiuso con un una perdita netta di 380 milioni di dollari, rispetto all’utile di 2,13 miliardi di dollari del quarto trimestre del 2014, risultato causato da una imposta straordinaria, pari a 646 milioni di dollari,  dovuta ai problemi della sussidiaria venezuelana. I volumi di pneumatici, invece, sono cresciuti: +7% rispetto all’anno scorso, pari a 42,1 milioni, in parte grazie all’acquisizione di Nippon Goodyear Ltd. (NGY) in Giappone. Le spedizioni di pneumatici per il mercato del ricambio sono aumentate del 9%, mentre le unità destinate al primo equipaggiamento sono cresciute del 2%.

La società ha registrato un utile operativo del segmento di 476 milioni di dollari nel quarto trimestre del 2015, in crescita del 33% rispetto a un anno fa. L’aumento è stato guidato da un favorevole price/mix netto delle materie prime e dai volumi più alti, ma è stato parzialmente compensato dall’inflazione dei costi e dalla favorevole conversione delle valute estere.

Guardando ai risultati dell’intero esercizio, le vendite sono stati pari a 16,4 miliardi di dollari, rispetto ai 18,1 miliardi di dollari del 2014, con un calo del 10%. Come nel quarto trimestre, la causa principale del calo delle vendite è la conversione delle valute estere, che in questo caso ha avuto un impatto negativo di 1,6 miliardi di dollari.

I volumi di pneumatici sono stati pari a 166,2 milioni, in crescita del 3% rispetto al 2014, anche in questo caso grazie, in parte, all’acquisizione di NGY in Giappone. Il mercato del ricambio è cresciuto del 2%, mentre quello del primo equipaggiamento è aumentato del 3%.

Il risultato operativo della società è stato di 2,0 miliardi di dollari, in crescita del 18% rispetto allo scorso anno. Esattamente come nell’ultimo trimestre dell’anno, la crescita è stata guidata da un favorevole price/mix netto delle materie prime e dai volumi più alti, ma è stato parzialmente compensato dall’inflazione dei costi e dalla favorevole conversione delle valute estere.

Il reddito netto è stato pari a 307 milioni di dollari, in drastico calo rispetto a quello dell’anno precedente, che era di 2,445 miliardi di dollari, ma causato da uno sgravio fiscale di 2,2 miliardi di dollari.

Nella regione EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) i volumi di pneumatici sono stati leggermente superiori all’anno scorso, totalizzando 61,5 milioni di pezzi rispetto ai 60,5 del 2014. Le vendite, invece, sono calate, passando dai 6,180 miliardi dell’anno scorso ai 5,115 miliardi di quest’anno. Il profitto operativo del 2015 è stato pari a 435 milioni di dollari, mentre quello del 2014 è stato pari a 438. Il margine operativo, tuttavia, è aumentato, passando dal 7,1% all’8,5%. Goodyear segnala l’ottima performance del quarto trimestre, in cui il reddito operativo è cresciuto di ben di 70 milioni di dollari, nonostante l’impatto negativo del cambio.

Richard J. Kramer, chairman and chief executive officer di Goodyear, ha affermato: “Sono estremamente soddisfatto dei risultati eccezionali conseguiti, dal momento che abbiamo ottenuto il 18% di crescita dell’utile operativo nell’intero esercizio, superando i 2 miliardi di dollari per la prima volta nella nostra storia di 117 anni. Il nostro successo ci ha permesso di lavorare su tutti gli aspetti del nostro piano di allocazione del capitale, offrendo valore per gli azionisti nel lungo termine. I guadagni del quarto trimestre sono cresciuti del 16% in Nord America e del 20% in Asia Pacifico, entrambi risultati record, mentre in Europa, Medio Oriente e Africa hanno recuperati nel trimestre, nonostante un contesto difficile.”

“Mentre l’incertezza economica nel contesto globale persisterà nel 2016, rimaniamo impegnati nel nostro obiettivo di crescita del risultato” ha concluso.

Per rimanere sempre aggiornato sui risultati finanziari delle aziende del settore pneumatici, non perdere la nostra pagina Aziende! clicca qui:  “pagina aziende”

The-Financial-Statements-front

Tag: , , ,

Categoria: Mercato, Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *