CNA presenta il ‘progetto gomme’ – Intervista al presidente Franco Mingozzi

1 febbraio 2016 | 1 Commento
 
Franco Mingozzi, presidente nazionale CNA Autoriparatori
Franco Mingozzi, presidente nazionale CNA Autoriparatori

CNA, la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della piccola e media impresa, e in particolare la divisione che si occupa di autoriparazione, ha deciso di inserire tra le attività oggetto della propria attenzione anche la vendita e il montaggio delle gomme. La professione del gommista va infatti a completare, all’interno del CNA nazionale, il gruppo professionale dell’autoriparazione, che già comprendeva le officine, le carrozzerie e i centri di revisione. L’obiettivo è offrire rappresentanza e tutela degli interessi di questo settore, oltre che servizi a 360 gradi, dalle convenzioni bancarie ai corsi di formazione specializzati. Ma quello che interessa al CNA è anche mettere in moto un circolo virtuoso a vantaggio delle imprese che ne fanno parte e che diventano così attori e non soggetti passivi nel mercato del post-vendita.

“Era già da un po’ di tempo che ci pensavamo e alla fine dello scorso anno abbiamo finalmente deciso di dare spazio anche alle gomme e ai gommisti, perché sono un settore che pochi conoscono e un mestiere che è molto cambiato nel tempo. E’ necessario che gli operatori si adattino a questa trasformazione che, a mio giudizio, è davvero epocale”, ha dichiarato Franco Mingozzi, presidente nazionale di CNA Autoriparatori e titolare di un centro di revisioni a Ferrara, che si occupa, naturalmente, anche di gomme.

Nelle ultime settimane si era in effetti resa tangibile questa attenzione da parte di CNA per il settore delle gomme, con alcuni convegni e corsi di formazione realizzati presso le sedi provinciali di Padova, Modena, Firenze e Ferrara. “Ci siamo accorti già da qualche tempo che, quando organizzi incontri su temi specifici e mirati, attiri l’attenzione degli operatori, che vengono ad ascoltare, recepiscono e partecipano con grande interesse”, continua Mingozzi. “I temi, per così dire, critici, per coloro che si occupano di gomme, sono molti, proprio perché i prodotti, le dinamiche commerciali e gli adempimenti normativi sono cambiati, continua Mingozzi. “Basti pensare, solo, per fare un esempio, alle gomme runflat, che una volta non esistevano e che oggi invece è importante conoscere: come sono costruite, se e come possono essere riparate e così via. Sapere tutte queste cose, oggi, è estremamente importante, se si vuole essere riconosciuti come professionisti di questo settore, altrimenti si rimane fermi a 30 anni fa. Sono cambiate le macchine, le gomme, tutto il sistema. L’unica cosa che non è cambiata è che la gomma è rotonda!”.

CNA AutoriparatoreEcco perché è stato costituito all’interno del CNA, alla fine dell’anno scorso, il gruppo nazionale ad hoc per gli operatori delle gomme e delle ruote, in grado di approfondire tutti questi argomenti e proporli al settore, ma in grado anche di raggruppare i gommisti sotto l’ombrello più ampio dell’Autoriparazione, in modo che possano dialogare e magari anche trovare forme di collaborazione con dei colleghi esperti in altre attività ma sempre nell’ambito dei servizi all’auto.

“Credo che sia importante e giusto parlare di questi argomenti al settore della gomma, perché ravviso tra molti operatori un po’ di incompetenza e di rilassamento sulla presunzione di conoscere già tutto quello che c’è da sapere”, continua il presidente di CNA Autoriparatori. “Il gommista oggi ha cambiato proprio tipologia di mestiere; nell’arco dell’anno sono diminuiti i tempi di impiego e anche questo è un motivo in più per cui credo sarebbe importante che fosse associato e in rete con il meccatronico e il carrozziere. Solo in questo modo, può usufruire di tutti i giorni lavorativi dell’anno, mentre adesso sta retrocedendo, rispetto al lavoro normale, e complessivamente riesce a lavorare solo 6-7 mesi su 12. Questo, un domani, potrebbe diventare un problema. Il mio consiglio è di unire le forze per riuscire a realizzare obbiettivi un po’ più importanti”.

“Ci siamo impegnati, in questi anni di crisi e abbiamo sopportato anche troppo, adesso è ora che il settore abbia una evoluzione e faccia uno sforzo per uscire definitivamente dal tunnel a vedere il sole. E’ per questo obiettivo che, come CNA Autoriparazione, stiamo lavorando”.

Il Gruppo CNA dedicato ai gommisti è dunque ormai una realtà, come dimostra anche il portale dell’autoriparatore dove la confederazione ha dedicato una sezione a questa professione. Il presidente Mingozzi, che resterà in carica almeno per i prossimi due anni e mezzo, è il referente a livello nazionale, ma in ogni città d’Italia, il responsabile del settore “Autoriparazione” del CNA provinciale è disponibile per raccogliere le richieste di informazioni e le iscrizioni.

“Siamo convinti che i colleghi che si occupano di gomme accoglieranno con favore questa nostra apertura e ce lo dimostra il successo delle serate e dei corsi di formazione che abbiamo già realizzato, che è ben superiore alle nostre aspettative sia come adesione che come attenzione. Proprio per questo motivo e per presentare ufficialmente questa nuova iniziativa del CNA, – conclude Mingozzi – abbiamo intenzione di organizzare prossimamente un convegno nazionale presso l’attrezzatissima sede ad Ferrara”.

Tag: , , ,

Categoria: Gommisti, Mercato, Notizie

Commenti (1)

URL di Trackback | Commenti Feed RSS

  1. Luigi scrive:

    Sono convito che i gommisti che svolgono solo l’attività di gommista, non sono lieti di leggere quest’articolo. Io rimango della mia idea che ogni categoria avrebbe dovuto svolgere la propria attività senza scimmiottare quello che veniva fatto altri in altri paese. Con questa scelta di ufficializzare il meccanico a vendere pneumatici a tabula rasa, scatena maggiormente la concorrenza facendo diminuire il guadagno in modo particolare ai piccoli e medi rivenditori.

    La salvezza del settore sta, e questo continuerò a ripeterlo all’infinito, solo se nasce un sindacato di categoria che tuteli l’attività del GOMMISTA il quale, forte della mandato che gli darebbero gli associati potrebbe denunciare tutti coloro che esercitano la vendita e l’assistenza senza avere requisiti. Gommisti, io sono uno di voi, parlo la vostra lingua, svegliamoci prima che ci riducono a a soggetti passa carte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *