Puliamo il Mondo in Molise – Quasi 1.500 kg di PFU rimossi da Legambiente ed EcoTyre

1 ottobre 2015 | 0 Commenti
 
Puliamo il Mondo in Molise – Quasi 1.500 kg di PFU rimossi da Legambiente ed EcoTyre
Puliamo il Mondo in Molise – Quasi 1.500 kg di PFU rimossi da Legambiente ed EcoTyre

Anche quest’anno il Molise torna a essere protagonista con ‘Puliamo il Mondo’. L’iniziativa di Legambiente sbarca nella regione del centro sud con un intervento legato alla raccolta degli pneumatici abbandonati illegalmente. Grazie al supporto logistico di EcoTyre, il Consorzio specializzato nel trattamento degli Pneumatici Fuori Uso (PFU), è stato possibile rimuovere circa 150 pneumatici di diverse dimensioni, molti dei quali abbandonati in fondi privati del Comune di Pietracatella, in provincia di Campobasso. Puliamo il Mondo (in programma dal 25 al 27 settembre 2015) rappresenta l’edizione italiana di Clean up the world, il più grande appuntamento internazionale di volontariato ambientale che coinvolge ogni anno oltre 35 milioni di persone in circa 120 Paesi.

L’operazione ha visto il coinvolgimento di decine di volontari e studenti delle scuole del comune molisano, che sono stati impegnati per alcuni giorni nelle attività di raccolta. A fornire il proprio supporto anche i migranti, ospiti del Centro di accoglienza (Sprar – Sistema di protezione per richiedenti asilo rifugiati) di Pietracatella. Oggi gli PFU, provenienti da diverse aree del territorio e conferiti dai volontari nel centro di raccolta comunale, sono stati caricati sui camion di EcoTyre e sono stati tutti avviati al corretto recupero, senza costi per il Comune.

Per il 3° anno consecutivo la partnership tra EcoTyre e Legambiente consentirà la raccolta degli pneumatici abbandonati in diverse aree del territorio italiano. Infatti, oltre al Molise, sono in programma anche altri interventi in regioni quali Abruzzo, Basilicata e Calabria. Questi interventi hanno una grande valenza ambientale. Gli PFU infatti rappresentano una vera e propria risorsa perché possono essere recuperati al 100%. Una parte cospicua degli pneumatici raccolti nell’ambito di ‘Puliamo il Mondo’ (circa il 65%) sarà triturata per produrre il cosiddetto ‘polverino’, un materiale di riciclo che può essere riutilizzato in una molteplicità di forme: nei sottofondi stradali, nel rivestimento di piste di atletica, di aree gioco per bambini e molto altro. Il restante 35% sarà, invece, destinato al recupero energetico.

“L’amministrazione comunale – ha dichiarato Luciano Pasquale, Sindaco del Comune di Pietracatella – plaude all’iniziativa di Legambiente ‘Puliamo il Mondo’. È un’iniziativa che le famiglie, la scuola, l’istituzione comunale giudicano con riconoscenza per l’alto valore educativo; un bel messaggio: la natura deve essere conosciuta, rispettata, amata, sin dalla più tenera età, per poter essere l’habitat di protezione dell’uomo”.

“Quest’anno con ‘Puliamo il Mondo’ – ha sottolineato Giuseppe Faioli, Presidente del Circolo Legambiente ‘E. Cirese’ di Campobasso – abbiamo coinvolto gli studenti delle scuole che hanno seguito una lezione di educazione ambientale e hanno poi partecipato in prima persona alle attività di raccolta degli pneumatici. Gran parte degli pneumatici erano abbandonati da diversi anni in un terreno privato e grazie all’impegno della Guardia Forestale e del Comune si è riusciti a sbloccare la situazione e avviarli al riciclo. Altri sono stati recuperati grazie all’impegno dei tanti volontari e dei ragazzi delle scuole che collaborano ogni anni per la fattiva riuscita di Puliamo il Mondo. Solo attraverso un’azione corale possiamo guardare al futuro del nostro ambiente con ottimismo e sperare che questi problemi ambientali non si ripresentino più in futuro”.

“Siamo orgogliosi – ha dichiarato Enrico Ambrogio, Presidente di EcoTyre – di aver fornito il nostro supporto al Comune di Pietracatella. Anche quest’anno siamo impegnati con Legambiente nella battaglia contro l’abbandono degli PFU. Questo intervento e gli altri in programma rientrano nel nostro progetto ‘PFU Zero’, un’iniziativa patrocinata dal Ministero dell’Ambiente, che ci vede al fianco di amministrazioni locali e mondo dell’associazionismo non solo per raccogliere gli PFU abbandonati, ma anche per sensibilizzare i cittadini sul corretto smaltimento e recupero di questa speciale categoria di rifiuto”.

Tag: , , , , , ,

Categoria: Mercato, Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *