Nokian Tyres resta in linea con gli obiettivi nonostante un 3Q debole

31 ottobre 2012 | 0 Commenti
 
Nokian Tyres resta in linea con gli obiettivi nonostante un 3Q debole
Nokian Tyres resta in linea con gli obiettivi nonostante un 3Q debole

Le vendite di Nokian Tyres sono aumentate del 19,7% a 1.166 milioni di euro, rispetto al fatturato a settembre del 2011 che era di 974,3 milioni di euro. Il risultato operativo arriva a 303,3 milioni di euro (261 nel 2011). Il gruppo finlandese si aspetta per l’ultimo trimestre dell’anno un miglioramento nel proprio segmento core dei pneumatici invernali per vettura, dovuto alla stagionalità. Nokian ritiene che nei Paesi del nord la domanda rimarrà piatta sui risultati dell’anno scorso e che invece sarà positiva in Russia. Per l’Europa centrale la domanda dipenderà dalle condizioni meteorologiche e da quanto gli inventari della distribuzione riusciranno a trasformarsi in vendite ai clienti finali. In ogni caso in questi Paesi l’azienda si aspetta nel quarto trimestre vendite inferiori ai risultati 2011. Nel corso di quest’anno, Nokian ha guadagnato quote di mercato nel segmento invernale di tutti i mercati, ma soprattutto in Russia ed Europa centrale.

La stima sulla chiusura dell’anno è positiva e Nokian Tyres conta di archiviare risultati positivi sia nei ricavi che nel risultato operativo.

“Nokian ha ottenuto buoni risultati in una situazione di mercato difficile, anche se gli esiti del terzo quarter si sono rivelati inferiori alle attese. In Russia le vendite crescono più dell’andamento del mercato e nei Paesi del Nord rispondono alle previsioni”, ha dichiarato Kim Gran, presidente e CEO dell’azienda. “I ricavi delle vendite vettura sono complessivamente cresciuti, ma il mercato più debole e la situazione dei magazzini di gomme invernali della distribuzione impattano negativamente sui risultati, che hanno evidenziato margini più bassi”.

Gran sottolinea il successo del lancio di nuovi prodotti e dei risultati “eccellenti” nei test delle riviste di settore sia per i prodotti invernali che estivi.  Inoltre il presidente spiega che la continua espansione del network distributivo rimane una pietra miliare per la crescita dell’azienda: “è incoraggiante il fatto che, nonostante la situazione critica del mercato, siamo riusciti ad aprire 76 nuovi centri Vianor, arrivando ad un totale di 986 negozi in 24 Paesi. Siamo sulla strada giusta per raggiungere il nostro obiettivo di 1.000 outlet entro la fine del 2012.”

   Per ulteriori informazioni, visita la sezione Opens internal link in current windowNumeri & Fatti

Tag:

Categoria: Mercato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *