I TPMS come opportunità di profitto per i gommisti

19 aprile 2012 | 0 Commenti
 
Al Brityrex International 2012, che si svolgerà ad EventCity, Manchester, dal 9 all’11 ottobre, si parlerà di come la nuova legislazione europea sui TPMS possa diventare un’opportunità di guadagno per i gommisti
Al Brityrex International 2012, che si svolgerà ad EventCity, Manchester, dal 9 all’11 ottobre, si parlerà di come la nuova legislazione europea sui TPMS possa diventare un’opportunità di guadagno per i gommisti

Alla fine di quest’anno entrerà in vigore la legislazione relativa ai TPMS (Tyre Pressure Monitoring Systems) e questa potrà essere, per i gommisti, una nuova opportunità di profitto. Sono numerosi i fornitori, tra cui  Apaseal/Tyresure, Autogem e Rema Tip Top che esporranno alla prossima fiera inglese Brityrex International  per dimostrare gli aspetti tecnici di questi sistemi di rilevazione della pressione dei pneumatici e tutte le potenzialità commerciali che offrono. Il salone si terrà al EventCity di Manchester dal 9 al 10 ottobre prossimi

La legislazione europea prevede che dal 1° novembre 2012 tutte le nuove vetture omologate siano equipaggiate con i sistemi di monitoraggio della pressione delle gomme e siano in grado di avvertire il guidatore di variazioni anormali della pressione, ma anche della temperatura in situazioni standard.

“Non c’è dubbio che i TPMS saranno una fonte di guadagno e un opportunità di profitto per i gommisti che investiranno nella formazione e nell’attrezzatura necessaria per servire le richieste del mercato”, ha affermato Ian Smith della Tyresure, i cui prodotti sono distribuiti in partnership con Apaseal. Smith che sarà coinvolto negli workshop e seminari formativi di Brityrex aggiunge che: “molti punti di servizio e officine fanno parte di catene di franchising, ma anche i rivenditori specialisti di pneumatici, avranno l’opportunità di trarre grande vantaggio in termini di lavoro in più, se sapranno educare i propri clienti sulla necessità di investire sui servizi e sulla riparazione dei loro sistemi di monitoraggio della pressione.”

Secondo le stime di Tyresure, i rivenditori potrebbero generare entrare tre aree principali: la sostituzione della batteria TPMS, la manutenzione delle valvole e la riparazione o sostituzione delle valvole danneggiare. Secondo il produttore, con un investimento attorno ai 1.200 euro i rivenditori possono dotarsi degli strumenti e delle attrezzature necessarie per  offrire questo servizio.

Rema Tip Top Automotive è un altro fornitore che offre la possibilità di specializzarsi in questo settore, con il nuovo  programma TPMS Sensor Intelligent Technology di Alligator, una soluzione completa per la sostituzione dei sensori TPMS di primo equipaggiamento. Il sistema Alligator offre un’unica soluzione per tutte le installazioni meccaniche, consentendo una significativo vantaggio in termini di riduzione dell’inventario e risparmio di tempo.

Anche Prashant Chopra di Autogem Concepts è d’accordo sul fatto che i TPMS possano essere un’opportunità da non perdere per i gommisti: “In questi tempi di crisi economica è importante per i nostri clienti massimizzare le opportunità di potenziale guadagno disponibili. Molti centri di montaggio gomme non si rendono conto o non sono capaci di massimizzare le entrate addizionali che può generare il servizio di manutenzione, riparazione, sostituzione e settaggio dei sistemi di monitoraggio della pressione. Sono le stesse case automobilistiche che raccomandano di provvedere ogni tre anni alla sostituzione o riparazione”, spiega Chopra.

  

Attualmente 1 vettura circolante su 10 ha un sistema TPMS installato, una quota destinata a crescere sostanzialmente a partire dalla fine dell’anno. Per questo motivo Brityrex International ha deciso di dedicare a espositori, buyers e visitatori degli incontri su questo tema.

Tag: , , , ,

Categoria: Mercato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *