Bridgestone corre in casa il MotoGP di Motegi

28 settembre 2011 | 0 Commenti
 
Bridgestone corre in casa il MotoGP di Motegi
Bridgestone corre in casa il MotoGP di Motegi

Il quindicesimo appuntamento del Campionato del Mondo di MotoGP si svolgerà domenica 2 ottobre sul tracciato Twin Ring Motegi, in prossimità delle città di Mito e Utsunomiya, a poche ore di distanza dalla sede centrale di Bridgestone Corporation situata a Tokio. Il Gran Premio, inizialmente programmato il 24 aprile, è stato posticipato alla prima domenica di ottobre a seguito del catastrofico terremoto e tsunami che aveva colpito il Giappone lo scorso mese di marzo. Per tutti i team e per la Casa giapponese si tratta della prima di tre gare oltreoceano (Giappone, Australia, Malesia).

Il cambiamento di data comporterà una variazione delle condizioni atmosferiche e delle temperature, che si prevede possano raggiungere i 25°C, proprio come lo scorso anno, quando il gran premio di disputò sempre nel primo weekend di ottobre. Per questo motivo rispetto all’appuntamento del 2010 le opzioni di mescole selezionate per l’anteriore sono rimaste invariate, con la sola aggiunta della terza opzione di mescola soft, mentre per il posteriore sono stati selezionati pneumatici con tipologia di mescola soft e media. Nel 2010 le mescole a disposizione al posteriore erano state di tipo medio e duro.

Rispetto allo scorso anno la spalla sinistra del pneumatico slick posteriore è di una gradazione più morbida per migliorare la sicurezza e le performance di riscaldamento del pneumatico nelle fasi iniziali di gara, in risposta alle richieste dei piloti. La mescola media al posteriore presenta una spalla sinistra con mescola morbida, mentre la mescola soft al posteriore utilizza una gomma extra morbida nel fianco sinistro. In questa stagione la gomma con mescola extra morbida sul fianco sarà utilizzata per un totale di otto gran premi.

Il tracciato di Motegi, lungo 4.801 metri, è chiamato “Twin Ring”, doppio anello, perché comprende sia la pista di MotoGP, sia un ovale e presenta quattro rettilinei lunghi e veloci seguiti da frenate e accelerazioni. Per la particolare configurazione del tracciato è importante avere stabilità in frenata e una buona trazione in fase di accelerazione in uscita di curva. Con otto curve a destra e sei a sinistra cruciali diventano le performance di riscaldamento del fianco sinistro del pneumatico posteriore e l’utilizzo della mescola più morbida per migliorare la sicurezza dei piloti nelle sessioni di prova del mattino che si disputano con temperature più fredde. Un tratto particolarmente veloce è quello compreso tra la curva 130R e il settore sinistra-destra in cui i piloti devono avere molto feeling con la moto e i pneumatici. La curva 11 è particolarmente impegnativa per i sorpassi: i piloti la percorrono in discesa a circa 300 km/h prima di frenare bruscamente fino a 80 km/h per immettersi nella successiva curva a destra.

La MotoGP sarà presente in forza sul circuito di Motegi, con l’aggiunta di altre due moto Honda fornite ai piloti che effettuano i test con l’HRC Shinichi Ito e Kosuke Akiyoshi. Il primo gareggerà con una HRC wildcard, mentre il secondo affiancherà Toni Elias nel team LCR Honda.

Tag: , ,

Categoria: Uncategorized

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *