Il MotoGP di Catalunya metterà a dura prova i pneumatici

3 giugno 2011 | 0 Commenti
 
Bridgestone ritiene il circuito di Catalunya uno dei più impegnativi della stagione dal punto di vista dei pneumatici
Bridgestone ritiene il circuito di Catalunya uno dei più impegnativi della stagione dal punto di vista dei pneumatici

Il circuito di Catalunya, che domenica 5 giugno ospiterà il quinto appuntamento del Campionato del Mondo di MotoGP, è situato a 25km da Barcellona e presenta caratteristiche tecniche particolari, tanto da essere considerato da Bridgestone uno dei più impegnativi della stagione dal punto di vista dei pneumatici.

Il Gran Premio di Catalunya richiama da sempre numerosi appassionati sulle tribune nell’arco dell’intero weekend, grazie anche ai numerosi piloti di nazionalità spagnola presenti. Con otto curve a destra, la maggior parte delle quali lunghe e veloci, e solo cinque curve a sinistra da percorrere a velocità ridotta e molto meno severe per la spalla sinistra dei pneumatici, il tracciato comporta un’elevata sollecitazione sul lato destro del pneumatico posteriore. La spalla destra, infatti, è sottoposta a pesanti carichi in piega soprattutto nella curva tre e nelle ultime tre curve che accrescono la temperatura di utilizzo. Al contrario, la spalla sinistra è meno sollecitata ma deve avere lo stesso un rendimento ottimale con un range di temperature inferiori. Un altro tratto cruciale per i pneumatici è l’ultima curva che porta al lungo rettilineo principale, in particolare per l’elevata temperatura generata nella spalla destra del pneumatico posteriore quando i piloti accelerano da metà curva per massimizzare le velocità.

Per l’elevata temperatura nella spalla destra, il pneumatico asimmetrico al posteriore garantirà un buon grip e feeling di guida nell’intera distanza di gara. Il pneumatico posteriore sarà disponibile con mescola media o dura, ed entrambe presentano una mescola morbida nella spalla sinistra. Sulla base del feedback ricevuto dai piloti dopo la gara dello scorso anno, le mescole per il posteriore selezionate per quest’anno sono di una gradazione più morbida.

La configurazione del circuito è mediamente severa per il pneumatico anteriore, ma il carico sulla sezione centrale del pneumatico in frenata è più basso proprio per la sua configurazione veloce. Bridgestone ha selezionato per l’anteriore la stessa tipologia di mescola media e dura utilizzata quest’anno sul circuito di Jerez. In caso di pioggia per la prima volta in questa stagione la Casa giapponese porterà pneumatici da bagnato con mescola dura.

Jorge Lorenzo (Team Yamaha), vincitore della gara dello scorso anno, si presenta per il suo Gran Premio di casa al comando del Campionato del Mondo, con un vantaggio di 12 punti su Casey Stoner (Honda Repsol), la cui vittoria nell’ultimo Gran Premio di Francia lo ha portato al secondo posto in classifica generale, a 5 punti di distacco da Dani Pedrosa (Honda Repsol), la cui presenza sul tracciato catalano è ancora incerta dopo la rottura della clavicola a Le Mans.

“Negli ultimi anni il tracciato di Catalunya ha sempre ospitato gare memorabili e credo che tutti ricordino l’emozionante duello del 2009 tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo deciso all’ultima curva”, ha dichiarato Hiroshi Yamada, Responsabile Bridgestone Motorsport.Quest’anno la data del Gran Premio è stata anticipata di un mese rispetto alla scorsa edizione. Si preannuncia un’altra gara entusiasmante che richiamerà un gran numero di appassionati sulle tribune. Auguriamo una rapida ripresa a Dani e speriamo possa tornare a correre nel suo Gran Premio di casa”.

Tag: , , , , ,

Categoria: Uncategorized

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *