Anfia: un aprile così basso non si registrava dal 1996

5 maggio 2011 | 0 Commenti
 

Ad aprile il mercato italiano dell’auto totalizza 157.309 immatricolazioni, il 2,2% in meno di quelle registrate nello stesso mese del 2010 (160.919 unità). Nel primo quadrimestre, le unità immatricolate ammontano a 671.788, in calo del 19% rispetto al primo quadrimestre 2010 (828.940 unità).

“Aprile chiude con volumi di immatricolazioni al di sotto di quelli registrati un anno fa, quando, proprio con il quarto mese dell’anno, si entrava definitivamente nella fase ‘post-incentivi’”, ha commentato Eugenio Razelli, Presidente di ANFIA. “Un aprile al di sotto delle 160.000 unità non si registrava dal 1996. L’indice del clima di fiducia dei consumatori rilevato ad aprile dall’ISTAT scende a 103,7 dal 105,1 di marzo, soprattutto a causa di una caduta dell’indicatore relativo alle prospettive future (da 93,7 a 90,1). Secondo le stime preliminari ISTAT, ad aprile l’indice nazionale dei prezzi al consumo è aumentato dello 0,5% rispetto a marzo 2011 e del 2,6% rispetto ad aprile 2010. I prezzi dei carburanti continuano a salire, con la benzina a +1,2% a livello congiunturale e a +10,9% a livello tendenziale e il gasolio a +2,5% e +18,8% rispettivamente, complici gli inarrestabili rialzi del prezzo del petrolio. A fronte di ciò, sarebbe auspicabile un contenimento della componente fiscale dei prezzi dei carburanti (accise e IVA) e in generale del prelievo fiscale a carico del comparto, mentre il recente aumento delle accise e l’annunciato riordino dell’IPT vanno nella direzione opposta. A parziale bilanciamento di questo clima poco favorevole, un piccolo segnale positivo emerge dalle risposte alle domande trimestrali dell’indagine ISTAT relative ad alcune spese di particolare impegno, con il recupero delle intenzioni di acquisto dell’autovettura: l’indice sale da -183 a -175”.

Secondo una prima anticipazione dello scambio di dati tra ANFIA e UNRAE, a marzo i contratti siglati sono stati circa 158.000 (-1,4%), mentre nei primi quattro mesi del 2011 i contratti ammontano a circa 675.000, oltre il 10% in più rispetto a gennaio aprile 2010.

Le marche nazionali registrano 45.531 unità immatricolate nel mese (-8,2%), con una quota di mercato del 28,9%. Nei primi quattro mesi dell’anno, le immatricolazioni totalizzate sono 196.119 (-25,1%) con una quota di penetrazione del 29,2%.

La quota di penetrazione delle vetture ad alimentazione alternativa sul totale immatricolato nel mese rimane sui livelli di marzo, passando dal 4,7% al 5%. La quota delle motorizzazioni diesel immatricolate nel mese risulta leggermente inferiore a quella di marzo (55,7%) attestandosi al 55,1%.

Nella top ten delle auto più vendute ad aprile il podio spetta alle marche nazionali, con Fiat Panda che passa dal secondo al primo posto (10.762 unità), seguita da Fiat Punto (9.732) e da Fiat 500 (5.961), che conquista tre posizioni rispetto al mese scorso. Al settimo posto troviamo Lancia Ypsilon (3.991), seguita, al nono, da Alfa Romeo Giulietta (3.468).

Nella top ten diesel, Fiat Punto (3.750 unità) si mantiene in testa alla classifica, mentre al terzo posto, in risalita di una posizione, si colloca Alfa Romeo Giulietta (2.707) e al nono posto Fiat Panda (1.648).

Secondo mese in leggera flessione, dopo un primo bimestre positivo, per il mercato dell’usato, che ad aprile, con 403.899 trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture a concessionari, chiude a -2,5%. Nel consuntivo da inizio anno, la crescita si attesta al 4% con 1.604.096 trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture a concessionari.

Tag: , ,

Categoria: Mercato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *