Mercato dell’auto a gennaio: male le vendite, bene gli ordini

2 febbraio 2011 | 0 Commenti
 
“I prossimi mesi saranno ancora difficili, ma auspichiamo un graduale risollevarsi della domanda a partire da aprile”, ha dichiarato Eugenio Razelli, Presidente di ANFIA
“I prossimi mesi saranno ancora difficili, ma auspichiamo un graduale risollevarsi della domanda a partire da aprile”, ha dichiarato Eugenio Razelli, Presidente di ANFIA

A gennaio il mercato italiano dell’auto totalizza 164.356 immatricolazioni, registrando un calo del 20,7% sui volumi immatricolati nello stesso mese del 2010 (207.266 unità), che aveva ancora beneficiato della coda degli ecoincentivi 2009. La quota di penetrazione delle vetture ad alimentazione alternativa sul totale immatricolato, che nel 2010 si attestava al 17,7% e nel solo mese di dicembre registrava appena il 9,1% (il valore più basso dell’anno), a gennaio 2011 è del 6% circa.

“Anche in questo primo mese dell’anno, il mercato dell’auto si porta dietro dal 2010 una contrazione a due cifre”, ha commentato Eugenio Razelli, Presidente di ANFIA. “I volumi immatricolati sono di poco superiori a quelli di gennaio 2009, l’ ‘annus horribilis’ incominciato con 158.460 unità immatricolate nel mese, prima che entrassero in vigore gli incentivi, ma comunque al di sotto della soglia critica delle 200.000 unità. La media degli ultimi 10 anni, dal 2002 ad oggi, per il mese a gennaio, è infatti di 214.600 unità immatricolate. Gli ordini raccolti a gennaio risultano in crescita del 15,9% sullo stesso mese del 2010, durante il quale, tuttavia, il livello degli ordini era stato particolarmente basso, dato il picco registrato negli ultimi mesi del 2009 per approfittare degli incentivi ormai in esaurimento. Sappiamo che i prossimi mesi saranno ancora difficili, ma auspichiamo un graduale risollevarsi della domanda a partire da aprile, contando su un progressivo miglioramento della situazione economica in generale e, quindi, del clima di fiducia dei consumatori”.

Secondo una prima anticipazione dello scambio di dati tra ANFIA e UNRAE, a gennaio i contratti siglati sono stati circa 159.000 (il 27% in più su gennaio 2010). Le marche nazionali registrano 48.615 unità immatricolate nel mese (-27,3%), con una quota di mercato del 29,6%.

Nella top ten delle auto più vendute a gennaio le marche nazionali occupano ben 5 posizioni. Si mantengono in testa alla classifica Fiat Punto (13.159 unità) e Fiat Panda (9.966), mentre guadagna una posizione, portandosi al quinto posto, Fiat 500 (5.384). Al sesto posto troviamo Alfa Romeo Giulietta (4.050) e al settimo Lancia Ypsilon (3.979).

Sale la quota di vetture diesel immatricolate nel mese: 54,1% contro il 49,7% di dicembre 2010. Nella classifica mensile delle auto diesel più vendute, Fiat Punto (5.693 unità) mantiene il primo posto, seguita, in seconda posizione, da Alfa Romeo Giulietta (3.072) e, in ottava posizione, da Fiat Bravo (1.930).

Migliora ulteriormente il mercato dell’usato, in crescita del 10,7% rispetto a gennaio 2010 con 364.785 trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture a concessionari.

Tag: , ,

Categoria: Mercato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *